noci di Macadamia

Shelled and unshelled macadamia nuts in isolated white background

Le noci di Macadamia, il frutto dell’albero Macadamia (Macadamia integrifolia), sono ricche di minerali e vitamine. Utili per il metabolismo, aiutano a combattere i radicali liberi. Scopriamole meglio.

Ho scoperto per caso le noci di Macadamia sugli scaffali del mio supermercato preferito. La commercializzazione delle Noci di macadamia provenienti dalle cooperative del Brasile e della Bolivia viene realizzata in Italia dalla Cooperativa Chico Mendes di Modena. croccanti e delicate, con altissimo contenuto di olii naturali polinsaturi, proteine essenziali, sali minerali e fotosteroli. Ideali per l’alimentazione di donne oltre i 30 anni, per spuntini e snack, in insalate e dolci. Pur non essendo chiaramente una donna, io mangio regolarmente queste deliziose noci e da quando ho scoperto che vengono vendute anche nel nome di Chico Mendez le mangio ancora più volentieri. Le consiglio agli amici smemorati!

44 piani, in fila per sei col resto di due…

Ecco il nuovo grattacielo Intesa Sanpaolo. Ideato dalla Renzo Piano Building Workshop, l’edificio è considerato tra i più ecosostenibili al mondo. Intorno un nuovo parco e all’interno una serie di spazi pubblici: l’obiettivo è una torre «aperta» che possa essere vissuta da un’intera città.

Io mi chiedo e chiedo, era necessario per Torino e il suo skyline avere due nuovi grattacieli? Era dall’epoca piacentiniana (ventennio fascista) che non veniva piantato un grattacielo a Torino, mi riferisco alla torre di Piazza Castello che deturpa quel gioiello di equilibrio sabaudo. Il grattacielo Lancia, ristrutturato da poco è piantato in borgo San Paolo come un castello in un paese medioevale, ma i bene informati riferiscono che la società proprietaria è in fallimento perchè non riesce a locare o vendere i piani liberi. Il costruendo grattacielo della Regione Piemonte è stato oggetto di scandalo e variazioni costruttive in corso d’opera di cui siamo informati. Non so se si è capito: non mi piacciono i grattacieli!

un parco al campo volo

campo volo
Campo volo sarà il polmone verde
Collegno lo acquisirà insieme a Regione, Provincia e paesi vicini

Là dove c’era l’erba ci sarà un parco. Quando si parla del Campo volo si tocca un argomento lungo 30 anni, spinoso e costellato di polemiche. Lustri di discorsi, progetti e battaglie. La destinazione dell’area pare avere un futuro più certo, con il progetto dell’amministrazione collegnese, «Che vuole acquisirla nella massima trasparenza e farne un patrimonio verde della città», come ribadisce il sindaco Silvana Accossato. Un parco insomma, un polmone verde senza case e negozi.

Leggi l’articolo completo cliccando qui!

Uso sostenibile del territorio.

NO INCENERITORE – SI RIFIUTI ZERO

5 euro per difenderci dall’inceneritore (clicca!)

Come già scritto, qui sul blog, é iniziata da parte del Coordinamento No inceneritore Rifiutizero Torino la raccolta delle donazioni a proposito dell’iniziativa 5 EURO PER DIFENDERCI DALL’INCENERITORE che prosegue con un ottimo ritmo.

Tramite questa iniziativa verranno raccolti dati sulla concentrazione dei metalli pesanti all’interno dell’organismo dei bambini che vivono nei pressi dell’inceneritore.
I primi dati verranno raccolti prima che parta l’inceneritore. Se questi valori aumenteranno nel tempo verrà avviata immediatamente una NUOVA AZIONE LEGALE che utilizzerà questi dati per dimostrare che lo stato di salute di chi vive nei pressi dell’inceneritore è cambiato proprio a causa dell’inceneritore stesso.

In particolare le analisi che verranno eseguite riguarderanno le unghie dei bambini che vivono nelle vicinanze dell’impianto. Con un gesto fatto normalmente nella quotidianità, quello appunto del taglio delle unghie, saranno disponibili i campioni sui quali eseguire le analisi.

L’ISDE, Associazione Medici per l’Ambiente, sta curando da mesi tutti gli aspetti relativi al protocollo medico con cui verranno fatte questa analisi. L’ISDE ha cioè individuato le scuole dalle quali verranno prelevati i campioni di unghie.
Le scuole sono state scelte per coprire 3 zone a diversa distanza dall’inceneritore, toccando i comuni di Rivalta, di Orbassano, di Grugliasco, di Beinasco e di Torino (quartiere Mirafiori Sud).

NO INCENERITORE – SI RIFIUTI ZERO
=========================================
Regola 5R (Riduci, Ripara, Riusa, Ricicla e Riprogettazione) verso l’obiettivo Rifiuti Zero
http://www.rifiutizerotorino.it

la propaganda Si Tav del TG3 regionale

Il tg3 regionale del Piemonte si distingue da anni per la sua informazione destrorsa nella quale hanno sguazzato le gesta di Pdl e Lega e le grandi avventure del ragazzo prodigio Cota. Stasera, a ridosso della grande marcia No-Tav di sabato, la redazione si è affannata a dare voce a tutte le nature Si-Tav a partire dal Sindaco di Torino il PD Piero Fassino, contrastato in consiglio comunale da Michele Curto di Sel, per passare da un oscuro membro del Pdl locale che non pareva informato sulla posizione del Partito Democratico visto che insisteva su una fantomatica posizione ostativa alla Tav da parte di quel partito. Il prode Cota si è eclissato, mentre naturalmente i tecnici rappresentanti del TAV, come Virano, si profondevano nelle solite elucubrazioni sul filo della diplomazia. Il popolo della Valle di Susa e i suoi rappresentanti hanno ampiamente dimostrato sabato come la pensano.

fiom

Territorio – Consumo del Suolo – Grandi Opere

USO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO – DALLE POLITICHE LOCALI ALLE SCELTE DI GOVERNO

Territorio – Consumo del Suolo – Grandi Opere

MARTEDI’ 19 febbraio, ore 21.00
presso Sala delle tessitrici – corso Francia 269
Collegno – Villaggio Leumann

Presentazione delle proposte programmatiche con i candidati di SEL in Parlamento

introduce:
Enrico MANFREDI – coordinatore SEL Collegno

intervengono i candidati:
Michele CURTO – consigliere comunale di Torino, coordinatore provinciale SEL
Carla MATTIOLI – ex sindaco di Avigliana
Giovanni CALISSI (Vanni) – ex RSU Fiom CGIL Elbi, attivista NO-TAV

modera:
Massimiliano BORGIA – giornalista

Sono invitati tutti i cittadini che vogliano intervenire e le associazioni ambientaliste del territorio.

Fraterni saluti

La segreteria SEL Collegno

logo-Sel-200x200

Circolo Sinistra Ecologia Libertà di Collegno
Via Bendini, 11
10093 Collegno (TO)
3423783595
selcollegno.blogspot.com
sel.collegno@live.it

Volantino – Invito S.E.L. Collegno

Difendiamoci dall’inceneritore

5 euro per difenderci da inc
“5 EURO PER DIFENDERCI DALL’INCENERITORE”,
la nuova importante iniziativa per combattere l’inceneritore del Gerbido.
http://www.rifiutizerotorino.it

L’idea dalla quale nasce questa iniziativa e’ molto semplice.
L’inceneritore del Gerbido (421 mila tonnellate/anno) aumentera’ il rischio di tumori ed altre patologie in tutto l’ambiente circostante ad esso, cosi’ come e’ avvenuto e sta avvenendo in altre zone in cui sono presenti degli inceneritori.
Noi vogliamo al più presto iniziare a raccogliere dei dati sulla concentrazione dei metalli pesanti all’interno dell’organismo dei nostri bimbi che vivono nei pressi dell’inceneritore.
Se questi valori aumenteranno nel tempo verra’ avviata immediatamente una NUOVA AZIONE LEGALE che utilizzera’ questi dati per dimostrare che lo stato di salute di chi vive nei pressi dell’inceneritore e’ cambiato proprio a causa dell’impianto.
(ultimo caso di blocco di un inceneritore: qualche giorno fa a Messina http://www.strettoweb.com/2013/02/messina-inceneritore-pace-il-tar-riconosce-rischi-di-inquinamento-e-blocca-lattivita/62630/)

Tutta l’organizzazione delle analisi mediche e’ seguita da un POOL DI MEDICI DELL’ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente), che assicurera’ che i dati siano corretti e certificati e soprattutto assolutamente non filtrati da nessun tipo di interesse.

SAREMO IN PIAZZA CASTELLO A TORINO SABATO 16 FEBBRAIO DALLE ORE 14:00

E’ questo lo sviluppo che ci stanno prospettando?
E’ questo il futuro che desideriamo per noi e per le prossime generazioni?

Che ognuno tragga le proprie conclusioni… (magari prima delle imminenti elezioni).

NO INCENERITORE – SI RIFIUTI ZERO 
==============================================================
Regola 5R (Riduci, Ripara, Riusa, Ricicla e Riprogettazione) verso l’obiettivo Rifiuti Zero
www.rifiutizerotorino.it

SPAZIO WEB PER DOCUMENTAZIONE CATALOGATA
www.zumodrive.com/share/cQnQODQzYT
ISCRIVITI AI GRUPPI FACEBOOK: NO INCENERITORE TORINO e ARIA BENE COMUNE
www.facebook.com/groups/noinceneritoretorino?ap=1
www.facebook.com/groups/ariabenecomune?ap=1

il decalogo.2

2. Sì a un grande progetto di riconversione ecologica dell’economia e di riassetto del territorio nazionale e dei suoi usi per garantire la sicurezza dei cittadini e la riduzione del consumo di suoli agricoli. No alle grandi opere (dal Tav Torino-Lione al Ponte sullo stretto e al proliferare di autostrade e raccordi) inutili, dannose all’ambiente e alla salute ed economicamente insostenibili.

«La morte “per strada” è diventata una delle poche morti per cui si è inventato un tipo di cordoglio nuovo. Le «edicole» improvvisate, i fiori e le foto e le scritte sui luoghi degli incidenti d’auto non sono una ribellione contro il “sistema automobilistico”, ma una scansione della religione della fatalità, del destino che colpisce a caso e inaspettatamente». «Il sistema delle auto è penetrato nel fondo della nostra anima, diventando ovvio, il ritmo normale delle cose. In fin dei conti non è proprio qui il fascino dell’auto, nel fatto che dopo aver appreso a guidare un’auto ci si dimentica di come si guida perché si comincia a guidare automaticamente?» «Siamo talmente abituati alle auto che non riusciamo a vederle e a capire cosa ci fanno e cosa noi gli facciamo fare»