tra inconscio e surreale

Il 10 settembre 2021 è stata inaugurata la mostra d’arte “Tra inconscio e surreale” che il Comune di Collegno, con la sponsorizzazione di Barricalla, ha dedicato all’opera dell’artista Lorenzo Alessandri (1927-2000) presso la “Sala delle Arti” all’interno del bellissimo Parco Dalla Chiesa.

Presso la Sala del Consiglio Comunale il Professor Giangiorgio Massara, storico dell’Arte, ha illustrato la mostra con una bellissima prolusione pubblica. Amico e studioso del pittore Alessandri dal 1972 e fino al 2012 Massara si è occupato di lui con articoli di stampa e presentazioni.

Autodidatta, a soli 13 anni, Alessandri iniziò ad incidere il linoleum, ma di dedica presto alla pittura ad olio. Durante il 1944, quando a Torino erano in corso i bombardamenti degli Alleati, aprì il suo primo Studio che chiamò “soffitta macabra”. Volontario dell’ordine dei Cavalieri di Malta, appena diciassettenne, partecipò al recupero dei cadaveri delle vittime dei bombardamenti, rimanendone fortemente impressionato. Le conseguenze sul suo sentire e sulla sua arte saranno evidenti.

Nel dopoguerra il pittore perfezionò il suo studio dell’arte con il Maestro Giovanni Guarlotti impressionista; secondo Vittorio Sgarbi, Lorenzo Alessandri fu il primo surrealista italiano, un artista del sogno. Naturalmente essendo a Torino gli era naturale guardare al futuro, caratteristica, questa, tipica della città subalpina. A Torino magico e fantastico prendono vita, la città preferita da Nostradamus ed abitata anche da Nietsche (“La sera al tramonto lungo le rive del Po nel bene e nel male”) è considerata parte di triangoli magici positivi e negativi, l’esoterismo ne impregna la cultura.

Nel Gennaio del 1964 Alessandri pubblica il primo numero della rivista “Surfanta” i cui prodromi ed antefatti possono essere ricercati ai tempi della soffitta macabra, dove il tetto era foderato di cartone e l’illuminazione era prodotta da candele per il coprifuoco mentre Gianluigi Marianini recitava versi con il suo aplomb divenuto celebre in televisione grazie alla partecipazione a “Lascia o raddoppia” di Mike Bongiorno. Gli artisti sodali di Alessandri sono Silvano Ghilardi (Abacuc), Chicchi Macciotta, Molinari, Lamberto Camerini, Pontecorvo e Colombotto-Rosso.

La luna accompagna la vita di Alessandri, del colore della luna sono i capelli delle sue modelle spesso presenti nelle sue opere, orrido e bello, sensualità e macabro, bambole disumanizzate, tendenza alla bellezza pura: queste le emozioni della sua arte pittorica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: