Facebook…

pirla

Devo purtroppo constatare che Facebook in casi del genere mostra un lato veramente debole. Segnalare questo tipo di fenomeni tramite gli strumenti messi a disposizione dal più usato sito di socialnetworking non serve molto. Infatti, colpito personalmente dall’hackeraggio, ho dovuto segnalare l’accaduto evidenziato dal trafiletto comparso sulla prima pagina della cronaca cittadina de La Stampa odierna: la risposta di FB a proposito dei profili falsi è stata “rispetta i nostri Standard”. Ora i nameless saranno gratificati dal comparire nelle notizie di cronaca, faranno due risate alla faccia di chi usa lo strumento anche per motivi di pubblica utilità, oltre che per diletto personale.