ricordare per lottare

Gen Dalla Chiesa

“l’impegno contro la mafia è da sempre un atto di fedeltà al Vangelo, alla sua denuncia delle ingiustizie, delle violenze, al suo stare dalla parte delle vittime, dei poveri, degli esclusi, al richiamo alla fame e sete di giustizia”

Don Luigi Ciotti

Il 3 settembre 1982 venne ucciso a Palermo, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa insieme alla moglie, Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta, Domenico Russo. Piemontese della provincia di Cuneo aveva un’idea precisa della Mafia: “Ho capito una cosa, molto semplice ma forse decisiva: gran parte delle protezioni mafiose, dei privilegi mafiosi caramente pagati dai cittadini non sono altro che i loro elementari diritti. Assicuriamoglieli, togliamo questo potere alla mafia, facciamo dei suoi dipendenti i nostri alleati”.

Stiamo ancora aspettando che questa semplice aspirazione di cittadino venga realizzata.

Domani 3 settembre, 32 anniversario della morte, il Comune di Collegno ricorderà il Generale nel luogo a lui dedicato dalla e nella Città, il parco dell’ex ospedale psichiatrico.