appello al voto con auguri

logo-Sel-300x300Cari/e amici e compagni/e,

Domenica 30 dicembre si votano le primarie per scegliere i nostri parlamentari di SEL, per la Camera e per il Senato.

Si voterà dalle 08.00 alle 20.00, nei vari seggi che saranno allestiti in tutta la regione (a Collegno saremo nella nostra sede, via Bendini 11, secondo piano, presso circolo Aurora). si potranno votare un uomo e una donna per la camera e un uomo e una donna per il senato.

Io ho deciso di votare per la camera Michele Curto e Carla Mattioli e per il senato Giuseppe Accalai e la mia amica Elena Chinaglia.

Potrei raccontare molto su di loro, sulla loro esperienza, competenza, dirittura morale, visione politica e coraggio delle proprie idee. Mi limito a dire che loro rappresentano la SEL che io vorrei per me e per il nostro paese. Una forza politica giovane, coraggiosa, tenace, di strada, fra la gente, in mezzo ai problemi, dalla parte degli ultimi e dei più deboli, non subalterna a nessuno, con le popolazioni locali che difendono ad ogni costo la propria terra.

Per questo chiedo anche a voi di usare qualche minuto di domenica prossima per andarli a votare.

Possono votare gli iscritti a SEL e tutti coloro che hanno votato alle primarie di Italia Bene Comune.

un caro saluto a tutti e auguri di buon Natale

Enrico Manfredi

qualcosa mi dice che ci riguarda…

nequality and the world economy

True Progressivism

A new form of radical centrist politics is needed to tackle inequality without hurting economic growth

BY THE end of the 19th century, the first age of globalisation and a spate of new inventions had transformed the world economy. But the “Gilded Age” was also a famously unequal one, with America’s robber barons and Europe’s “Downton Abbey” classes amassing huge wealth: the concept of “conspicuous consumption” dates back to 1899. The rising gap between rich and poor (and the fear of socialist revolution) spawned a wave of reforms, from Theodore Roosevelt’s trust-busting to Lloyd George’s People’s Budget. Governments promoted competition, introduced progressive taxation and wove the first threads of a social safety net. The aim of this new “Progressive era”, as it was known in America, was to make society fairer without reducing its entrepreneurial vim. > leggi tutto

Prepariamoci a continuare?!?

Monti: “Non mi schiero con nessuno
Guiderò chi accoglie la mia agenda
Fuori dall’emergenza senza gli aiuti”