eccole le primarie del centrosinistra!

Ciao Giacomo,

eccole le primarie del centrosinistra che tanto abbiamo voluto, chiesto, rivendicato. Sono arrivate. È stata una campagna elettorale bellissima, emozionante, vissuta fino all’ultimo frammento di forza. Ho incontrato tanti volti, nelle piazze, nelle sale stipate e nelle università, ho incontrato passioni, energie, indignazione, speranza e rabbia. Sono stato depositario di forti domande di cambiamento, di innovazione e rinnovamento. Domande di giustizia sociale, di equità, di diritti e di dignità. Sono felice e lusingato per la fiducia e le aspettative che ho scorto in ogni vostra lettera, in ogni incontro anche veloce, in ogni sorriso, disegno, messaggio. Vi chiedo un ultimo sforzo per i due giorni che ci separano dal voto. Potete fare la vostra preziosa parte raccontando alle persone più vicine come le primarie del centrosinistra non decideranno solo il candidato premier, decideranno anche la rotta che si vuol far intraprendere all’Italia. Coinvolgeteli, chiedetegli di partecipare con il loro voto. L’Italia ha la possibilità di diventare più bella, solidale, innovativa, accogliente. Di volersi bene.

Napoli, 23 novembre 2012.

***

Caro Nichi,

fra gli altri, hai incontrato anche me, ad Alpignano in un posto che si chiama Piazza Berlinguer, si Piazza Berlinguer! Non so se mi spiego!

Eccole le primarie del centrosinistra volute, rivendicate o “concesse” non ha importanza. Ci sei e ti sei speso, ora tocca a noi!

Votate e fate votare Nichi Vendola alle primarie del centrosinistra!

Giacomo Nigro

Emilio Brustolon stroncato da un infarto a 26 anni

Emilio Brustolon, informatico di 26 anni residente a Chivasso (Torino), è morto improvvisamente, l’altro ieri sera, per un arresto cardiaco verificatosi durante una partita di calcio a sette disputata fra amici su un campo di San Carlo Canavese  in provincia di Torino.

Colto dal malore sul campo, il giovane è stato soccorso sul posto da un medico presente che ha allertato il 118 che lo ha trasportato con un’ambulanza all’ospedale di Cirié, ma i medici del pronto soccorso non sono riusciti a salvarlo.  Come vuole la prassi gli atti sul suo decesso sono stati trasmessi alla procura di Torino.

Al Padre del ragazzo va il mio pensiero e la mia solidarietà, la mamma purtroppo era già mancata ad Emilio qualche anno fa. La sfortuna si è, evidentemente, accanita contro la famiglia chivassese. Enrico sii forte!